Gli zuccheri semplici e in particolare glucosio, fruttosio, saccarosio sono i principali responsabili della carie. Il lattosio sembra avere effetti protettivi per la presenza della caseina. Comunque è bene evitare l’utilizzo del biberon nelle ore notturne. L’amido crudo a differenza di quello cotto non favorisce la carie. Altri fattori da considerare sono la capacità del cibo di aderire alle superfici dei denti (alta per miele, marmellate, datteri, caramelle appiccicose, ecc.), la granulosità (granuli più piccoli rimangono di più in bocca: la farina di semola resta meno tempo in bocca rispetto alla farina bianca), la struttura del cibo (carne e verdure sono meno cariogene). Inoltre cibi molto raffinati ed elaborati sono più cariogeni di quelli semplici. L’assunzione frequente di cibi a rischio è negativa anche perché è impossibile eseguire ogni volta una igiene orale adeguata.E’ bene non terminare i pasti con il dolce, ma con un frutto che favorisce la detersione della bocca e dei denti in mancanza di spazzolino e dentifricio. Alcune bibite specie quelle gasate e dolci, possono ledere lo smalto dei denti.

« Torna al glossario